Trentasette i video in gara e quasi 100 alunni sono stati protagonisti della ventesima edizione delle “Giornate Russiane – Premio Vincenzo Russo 2020”. Il Concorso ha visto la partecipazione regionale delle scuole Secondarie di 1° e 2° grado. Gli alunni hanno sviluppato attraverso immagini documentaristiche e interviste un corto della durata minima di un minuto. Quest’anno il Concorso “Artistico Letterario” ha avuto come tematica la “Salute pubblica e libertà individuale”.
Vincenzo Russo nei Pensieri politici, scrive che “la legge di un popolo non può mai essere in contraddizione con la libertà dell’individuo e che il bene comune non deve entrare in contrasto, né comprimere il bene soggettivo”.
In un tempo eccezionale di emergenza, come quello della Pandemia che oggi stiamo vivendo, la legge ha posto delle restrizioni e limiti alla libertà individuale e ha sospeso alcuni diritti costituzionali dei cittadini attinenti al movimento, al lavoro, all’istruzione, alla pratica religiosa, all’attività culturale e sportiva, alle relazioni interpersonali in nome della salute e della sicurezza, universalmente riconosciuti come beni prioritari da tutelare. Il che ha generato anche una conflittualità sociale
non si riuscendo in questo modo a conciliare le due opposte esigenze.
I video, sono stati valutati da una apposita giuria che ha decretato la seguente classifica tenendo conto dell’originalità, dell’attinenza al tema e della qualità tecnica. Sono premiati i primi 3 video riguardanti la scuola Secondaria di primo grado e primi tre video riguardanti la scuola Secondaria di secondo grado.
– Per la Scuola Secondaria di primo grado:
LA NUOVA GENERAZIONE TANTI PICCOLI VINCENZO RUSSO – Martina Malinconico 3° A (Istituto A. De Curtis)
LA CHIAMAVANO LIBERTA’ – Carmelina De Falco 3° G (Istituto Comprensivo Ciccone)
MA VE LA RICORDATE LA NORMALITA’ – Sara Ciccone 3°D (Istituto Cozzolino D’Avino)
-Per la Scuola Secondaria di secondo grado:
‘A VECO NERA – Carmela Iervolino- Camilla Cozzolino, Maria Teresa Sepe 4°A Classico (I.S.I.S Rosmini)
ESSERE LIBERO – Antonio Santorelli 1° A (I.S.I.S Rosmini)
UNA CHIACCHIERATA CON IL COVID 19 – Albano Emiddio, Bonifacio Nunziata 2°A Classico (I.S.I.S Rosmini)

 

Vincenzo Russo rivive nel monologo di Haber

Nella splendida cornice della chiesa del SS. Rosario e Corpo di Cristo di via Municipio, s’è conclusa l’altro fine settimana tra applausi convinti ed innumerevoli consensi l’edizione 2022 delle Giornate Russiane – Premio Vincenzo Russo.

Una manifestazione divenuta sempre più popolare e prestigiosa nel corso del tempo.

Quest’anno l’edizione è stata consacrata dalla lettura del pluripremiato attore e regista Alessandro Haber, che ha interpretato un monologo sulla vita di Vincenzo Russo. Nelle edizioni precedenti altri illustri attori si sono prestati, come Sebastiano Somma, Giancarlo Giannini, Luca Ward e Massimiliano Gallo, impreziosendo questa manifestazione. Ad Alessandro Haber è stato conferito, da parte del sindaco Nello Donnarumma e dell’assessore alla Cultura, Elvira Franzese, il Premio Vincenzo Russo 2022. «Nel corso del nostro mandato amministrativo, è stato nostro fermo intento incentivare l’interesse e la partecipazione della comunità – e del territorio in genere – a quello che rappresenta un autentico fiore all’occhiello della nostra amata terra. – ha spiegato in una nota ufficiale proprio il primo cittadino Nello Donnarumma – Vincenzo Russo è un gigantesco punto di riferimento con il quale dobbiamo confrontarci ogni giorno, in qualità di amministratori di un territorio che ha bisogno di certezze, valori e buoni esempi da seguire». A seguire, le dichiarazioni dell’assessore Elvira Franzese: «Le Giornate Russiane ed il Premio Vincenzo Russo sono appuntamenti entrati di diritto nel cartellone di eventi culturali che annualmente svolgiamo a Palma Campania e ne rappresentano la “punta di diamante”».

LE GRANDI ECCELLENZE DI PALMA ISPIRATE AGLI IDEALI DI RUSSO

Riflettori puntati sulla storia e sulle eccellenze del territorio, a Palma Campania, dove nei giorni scorsi s’è svolta la prestigiosa rassegna culturale delle Giornate Russiane, istituite nel 2000 ed impreziosite da qualche anno dalla serata di gala finale del Premio Vincenzo Russo.

Un doppio appuntamento che è divenuto nel tempo una piacevole quanto interessante tappa della tradizione locale. La manifestazione è interamente concentrata sulla conoscenza e sulla valorizzazione del patriota giacobino, politico e pensatore Vincenzo Russo, nato a Palma Campania nel 1770 e divenuto protagonista e martire della Rivoluzione Napoletana del 1799 proprio per il suo impegno di carattere politico e filosofico, ispirandosi agli ideali della libertà e della democrazia.

Le scuole del territorio sono state invitate a partecipare agli eventi culturali promossi dall’Amministrazione cittadina. Ragazze e ragazzi degli istituti scolastici locali hanno avuto modo di incontrare e dialogare – presso la sala teatrale del Comune di Palma Campania – Ciro Raia, Anna Maria Rao e Antonella Orefice, storici e studiosi di Vincenzo Russo e della Rivoluzione Napoletana.

La kermesse, che ha visto alla direzione artistica Dino Lauri, amministratore della Michelangelo 1915 Editore, ha arricchito il suo programma con un bando di concorso artistico-letterario, destinato alle scuole Secondarie di primo e di secondo grado del territorio, che hanno prodotto oltre settanta elaborati – in formato video – dedicandosi al tema “La strada che conduce alla Pace e alla Felicità dei popoli”, valori ispirati al pensiero politico e filosofico di Russo. I lavori sviluppati dagli studenti sono stati sottoposti alla visione di una giuria di esperti, riservando ai vincitori dei voucher spendibili per assistere a spettacoli teatrali e/o concerti/ e/o rassegne culturali/cinematografiche.

Una volta premiate le classi vincitrici delle scuole che hanno preso parte al concorso artistico-letterario, è stato dato spazio agli ospiti d’onore della kermesse: l’apprezzato attore Massimiliano Gallo e il pluripremiato regista Alessandro Haber. A presentare la serata conclusiva del Premio Vincenzo Russo (edizione 2022) è stata Roberta Ammendola, giornalista Rai. L’abito indossato da quest’ultima e dalle quattro ‘maschere’ è stato griffato da Richmond. Tra gli ospiti anche il soprano Katia Cerullo. Nella serata conclusiva del “Premio” è stato consegnato l’ambito riconoscimento alle personalità del territorio che si sono particolarmente distinte nei settori professionali di competenza. Queste le “eccellenze” che si sono aggiudicate l’ambito riconoscimento: il dottor Angelo Malinconico, direttore dei servizi per la Salute Mentale in Molise; la dottoressa Valeria Moffa, direttrice della Scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato di Campobasso; l’imprenditore Francesco Franzese, CEO dell’azienda “ICAB – La Fiammante”; l’avvocato e professore Raffaele Iervolino, docente di Diritto Civile; l’avvocato John Nunziata (rappresentato dalla nipote Marianna), canadese di origini palmesi, membro della Camera dei Comuni in Canada; Giusi Iervolino, ricercatrice universitaria presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Ateneo di Salerno; la docente universitaria Anna Maria Rao, professoressa emerita di Storia Moderna dell’Università Federico II di Napoli.